Corsi di formazione antincendio: addetti preparati all’emergenza

Il decreto legislativo 81/08 all’art. 43 comma 1 lettera b) stabilisce che il datore di lavoro è tenuto a designare uno o più lavoratori come addetti alla squadra di emergenza antincendio, incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze. Tutti i lavoratori che svolgono questa fondamentale mansione devono ricevere una specifica formazione, seguendo corsi che variano a seconda della tipologia di azienda, e al livello di rischio incendio delle stessa: rischio basso, rischio medio o rischio elevato.

Cosa rischia il datore di lavoro che non predispone i corsi antincendio? Sanzioni e pene per il datore di lavoro in caso di mancata formazione dei lavoratori addetti all’antincendio e al primo soccorso, risultano decisamente severe: è previsto l’arresto da 2 a 4 mesi e un’ ammenda da 1.200 a 5.200 euro. Se all’assenza di corsi di formazione antincendio si aggiunge la mancata consultazione dell’RLS è prevista un’ammenda da 2.000 a 4.000 euro

Corsi di formazione antincendio a seconda del rischio in azienda.

Rischio di incendio elevato. Il corso ha una durata di 16 ore.
A quali attività è rivolto?

– cantieri dove si utilizza materiale esplosivo
– fabbriche e depositi di esplosivi
– centrali termoelettriche
– aziende estrattive di oli minerali e gas combustibili
– impianti e laboratori nucleari
– hotel con oltre 200 posti letto
– ospedali, case di cura e case di ricovero per anziani
– scuole di ogni ordine e grado con oltre 1000 persone presenti
– uffici con oltre 1000 dipendenti
– cantieri temporanei o mobili in sotterraneo
– depositi al chiuso di materiali combustibili superficie superiore a 20.000 mq
– attività commerciali ed espositive superficie coperta superiore a 10.000 mq
– scali aeroportuali, infrastrutture ferroviarie e metropolitane
– cantieri per la costruzione, manutenzione e riparazione di gallerie, caverne, pozzi ed opere simili di lunghezza superiore a 50 m

Rischio di incendio medio. Il corso ha una durata di 8 ore.

A quali attività è indirizzato?

– attività rientranti nell’elenco allegato al D.M. 16 febbraio 1982 e nel D.P.R. n. 689/1959 escluse quelle indicate come rischio elevato

– cantieri temporanei e mobili ove si detengono ed impiegano sostanze infiammabili e si fa uso di fiamme libere, esclusi quelli interamente all’aperto

Rischio di incendio basso. Il corso ha una durata di 4 ore

A quali attività è indirizzato? Indirizzato a tutte quelle attività non rientranti fra le precedenti con fattori di rischio d’incendio limitati

Durante il corso di formazione antincendio, l’addetto apprenderà tutti i principi sulla combustione e la prevenzione degli incendi, in relazione al proprio ambiente di lavoro e al fattore di rischio incendi correlato alla propria azienda (le principali cause di incendio, le sostanze estinguenti, i rischi alle persone ed all’ambiente, misure e comportamenti per prevenire gli incendi, le verifiche e le manutenzioni dei presidi antincendio); la protezione antincendio (chiamata dei soccorsi, misure di protezione passiva, vie di esodo, dotazioni ed impianti di estinzione, sistemi di allarme, segnaletica di sicurezza, impianti elettrici di sicurezza); le procedure da adottare in caso di incendio ( sistema di evacuazione, modalità di chiamata dei servizi di soccorso, illuminazione di sicurezza) e le esercitazioni pratiche (attrezzature ed impianti di spegnimento, attrezzature di protezione individuale come maschere, auto protettore, tute,esercitazioni sull’uso delle attrezzature di spegnimento e di protezione individuale).